Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

17 GENNAIO

S. ANTONIO ABATE

BENEDIZIONE DEGLI ANIMALI


Mese di Maggio

Festeggiamenti Mariani con

PELLEGRINAGGIO AL SANTUARIO DELLA MADONNA DEL FOSCO
TERZA DOMENICA DI MAGGIO


16 Agosto

S.Rocco Chiesa dell’Università Agraria di Montecchio


24 Agosto

Festa di S. Bartolomeo (Patrono del Castello di Montecchio)


 

CALENDE-DELLE-FAVE

Le “Calende delle fave”

Il popolo chiamava il primo giugno “Calende delle fave” (Kalendae fabariae), “perchè le fave che in questo mese sono giunte a maturazione venivano usate nei sacrifici agli dei”; più precisamente: “alle calende di giugno, si offriva agli dei, sia nel culto pubblico che in quello privato, una farinata (puls) di fave”. offrire agli dei, voleva dire: mangiare ritualmente indirizzando il pasto sacro ad una divinità; e nel nostro caso si credeva che mangiare questa farinata di fave (puls fabacia o fabata) il primo giugno rendesse immuni dai dolori viscerali. La dea Carna, una misteriosa entità che conosciamo soltanto in questa connessione, figurava come la destinataria del rito di offerta e degustazione della puls fabacia.
da: La religione di Roma antica – Dario Sabbatucci


 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter